Inquinamento  verde e benessere

Inquinamento verde e benessere

Inquinamento verde e benessere.

Quando si parla di Inquinamento verde e benessere generalmente ci si preoccupa di come associare questi tre elementi  per affrontare l’inquinamento  al benessere il verde sicuramente è il fulcro centrale di tutta la vita. Il verde e risaputo e un colore che in natura si trova in abbondanza e certi tipi di verdure ne contengono per  il benessere del corpo umano. Pensando al forte inquinamento  si pensa all’inverno e allo “Smog” se così si può ancora chiamare e quella coltre di veleno che ci attornia. Non consideriamo poi il fatto della velatura nella volta celeste, ma questo è un altro argomento.

Un tempo esistevano le stagioni e l’inverno ne faceva parte, era una stagione fredda, con abbondanti nevicate e sotto la neve riposava la terra. In quel periodo e in quelle condizioni il corpo di conseguenza doveva fronteggiare temperatura rigide con sbalzi termici che arrivavano fino hai meno 10° e più gradi. Quand’è così sicuramente è bene essere ben preparati con l’abbigliamento adatto alla  stagione. La prima cosa da effettuare in certe situazioni è coprirsi bene con maglioni di lana, guanti, giacche, sciarpe, per ripararsi dalle folate di vento freddo.

queste temperature ora non ci sono più ma aggiungi l’inquinamento e chi ne risente sono le fasce  deboli queste vengono colpite. Queste fasce sono per la maggior parte bambini e anziani perchè il loro sistema immunitario è più fragile. I primi perchè sono in una fase di crescita e sviluppo, il secondo sono  in decrescita indebolimento fisico causato con l’avanzare dell’età. Naturale chiunque è soggetto  all’ambiente in cui vive di conseguenza può venire attaccato da virus  e batteri. Parte dell’inquinamento atmosferico, questa coltre bassa di polveri sottili indeboliscono l’organismo attraverso le vie respiratori causando quindi tosse, raffreddore e influenza.
Ecco che l’importanza dei vegetali verdi. Quando la natura diventa brulla e qui che accadde il miracolo, la natura ci mette a disposizione il meglio per rafforzare le difese immunitarie con dei vegetali verdi.

Prima di addentrarmi nei benefici di certi alimenti è bene

sapere quanto fa bene il verde, fisicamente e mentalmente.

E’ scientificamente dimostrato che,il verde ha tutta una gamma di influenze benefiche sul nostro corpo e che queste vanno ben oltre il piacere di contemplare un bel paesaggio. Gli effetti psicologici, fisici e fisiologici del colore simbolo della natura sono molteplici. E’proprio nel periodo invernale che la natura non a caso provvede a fornirci i migliori vegetali  per proteggerci e affrontare la lunga stagione piante erbacee come le crucifere o crocifere così son chiamate, piante che crescono e maturano in questa stagione, in ambienti e zone fredde.

Curiosità  della derivazione del nome”tale parola e stata coniata dalla disposizione dei loro fiori e dai loro petali quattro disposti a croce di qui il nome.

Inquinamento verde e benessere

Il verde è indispensabile per il corpo umano  “IL VERDE  E’ VITA”. Ritonando all’inquinamento atmosferico e allla velatura artificiale creata dall’uomo a molteplici effetti negativi. Un effetto negativo della poca luce  è che rallenta  la formazione della Clorofilla che avviene con la giusta dose di luce solare e quindi della piena maturazione delle verdure. Sappiomo inoltre  che la luce solare è fondamentale per lo sviluppo della Vitamina D  per ilbeneficio delle ossa dell’uomo.

La clorofilla, responsabile del colore verde di frutta e verdura, ha una potente azione antiossidante, mentre i carotenoidi contenuti in questi alimenti aiuta l’organismo a difendersi e prevenire le patologie coronariche e molti tipi di tumore; inoltre, sono responsabili della vista e dello sviluppo delle cellule epiteliali.

Questi alimenti sono particolarmente ricchi di Magnesio, un minerale molto importante che

favorisce il metabolismo dei carboidrati e delle proteine, stimola l’assorbimento del Calcio,

del Fosforo, del Sodio e del Potassio, regola la pressione dei vasi sanguigni e la

trasmissione dell’impulso nervoso. Inquinamento verde e benessere.

ECCO I BENEFICI CONTRO L’INQUINAMENTO: IL VERDE.

Per l’inverno  el’inquinamento la natura provvede broccoli, verze, e tutta una serie di vegetazione a foglia verde come pure i kiwi sono molto ricchi di vitamina C: favoriscono quindi l’assorbimento del Ferro contenuto nella frutta e nella verdura, hanno proprietà antiossidanti ed aiutano a prevenire malattie cardiovascolari, neurologiche.
Frutta e verdura verde contengono i fitonutrienti che caratterizzano i vegetali verdi e aiutano a ridurre lo stress e l’affaticamento, oltre a prevenire numerose forme tumorali, possono contribuire a prevenire certe disfunzioni cardiovascolari e recano benefici a ossa, denti e occhi.

Queste verdure contengono vitamina A, C, E, K e la B5. Inoltre, contrastano l’insorgenza dei radicali liberi con un’azione anti-aging.

Elenco di vegetali a foglia verde.

A questa categoria appartengono insalate, zucchine, asparagi, piselli, rucola,

basilico, mele verdi, avocado, broccoli, cavoli, bieta, erbetta, carciofi, cavolo verza, cetrioli, 

cicoria, indivia, lattuga, spinaci, kiwi, olive, uva bianca, agretto, cima di rapa, prezzemolo.

A volte per vari motivi come poco tempo per preparare il cibo, non piacciono le crocifere e non riusciamo ad assumere i vari vegetali  per  ovviare a tutto questo possiamo rimediare con un buon integratore multivitaminico che ci fornisce una copertura al sistema immunitario.

Le informazioni contenute in questo  sito sono di carattere generale e non intendono sostituire la consulenza fornita dal proprio medico o altro professionista sanitario. Nessuna affermazione è da intendersi come essere una raccomandazione  su come trattare qualsiasi particolare malattia o condizione relativa alla salute. Per questo contattare il medico o il professionista sanitario per eventuali problemi di salute.

Un saluto  da parte mia  e al prossimo articolo.

Quale è  la stagione ideale per far uso degli agrumi.

Quale è la stagione ideale per far uso degli agrumi.

Quale è  la stagione ideale per far uso degli agrumi.

Quale  stagione se non i mesi più freddi per far uso degli agrumi e quindi da Dicembre fino  all’inizio della primavera?

Come mai questo frutto è così prezioso prezioso per il corpo umano? Inanzi tutto la differenza tra gli agrumi e altri frutti e enorme nel processo di sviluppo  e maturazione. La fioritura avviene in primavera come per la maggiorparte degli alberi da frutto, ma la durata e l’esposizione al clima caldo e solleggiato dei paesi che si affacciano sul mediterraneo fanno si che diventi un concentrato di vitamina, sali minerali  oltre che ai caroteinoidi.

Ecco perchè diventa interessante per vari aspetti, in primis lo sottolineamo gli agrumi hanno bisogno di tanto sole e per un periodo lungo che avviene nei mesi invernali, a seconda della specie variano, da Dicembre a Febbraio. Prima della globalizzazione  questi frutti erano acquistabili in stagione invernali ora si da per scontato averlo sui banchi in esposizione e puoi mangiarlo tutto l’anno essendo importati da altri paesi nel mondo come  il Sud America, la Cina  Sud Africa o nei paesi Asiatici. Comunque il miglior periodo per mangiare e assaporare  un arancio o degli agrumi è sempre il periodo invernale.

Un secondo aspetto molto interessante che la maggioranza delle persone  da per scontato  il contenuto degli agrumi, la famosa vitamina C essenziale per il corpo umano. Niente di più falso, forse se sei fortunato ed Acquisti delle arance appena colte allora tutto questo può essere veritiero altrimenti scordatela la vitamina C.

Ecco il perchè: la vitamina C  è termolabile, si dissolve ,si volatizza, si disperde e questo accade per vari motivi, una delle ragioni principali, rimane troppo tempo in giacenza nei magazzini dalla raccolta alla vendita, anche se conservate in celle frigorifere, e al buio.

Terzo molto importante ma poco pratico per il commercio  gli agrumi raggiungono la loro massima concentrazione di vitamina C negli ultimi dieci giorni di maturazione del frutto.

Leggi anche  La grade bugia sulla V.C

Quale è  la stagione ideale per far uso degli agrumi.

Agrumi e la sua grande famiglia .

Appartengono alla famiglia degli agrumi, le arance, i limoni, i mandarini, i cedri, pompelmi e mandaranci. Agrumi meno conosciuti  sono il chinotto, le limette, il bergamotto questo ultimo utilizzato per l’essenza e per il citrato di calcio.
Gli agrumi un tempo era un frutto per pochi e solo dal secondo dopo guerra sono stati valorizzati sempre più, e il loro consumo è aumentato moltissimo, sia per uso personale che per l’uso industriale e quindi i suoi derivati, dalle spremute, ai succhi e dalle bibite per “dissetare”.

Alcuni agrumi sono  molto conosciuti come le arance dal colore giallo scuro e arancione con buccia più o meno ruvida, alcune specie sono rosse e poi sono dati i nomi in base alla loro provenienza di coltivazione.

Il mandarancio lo dice la parola stessa è un incrocio tra il mandarino e l’arancia profumo intenso del mandarino e frutto acidulo dell’arancio. Il mandarino piccolo e rotondo è generalmente molto profumato.  Il limone tutti ne conoscono i suoi benefici  di colore giallognolo.
Il pompelmo un tempo solo giallo ora anche rosa, il suo aspetto è simile ad un grosso arancio, buccia liscia e sottile, all’interno spicchi sugosi dal gusto agro amarognolo, note sono le sue spremute per la prima colazione, ottima anche come bevanda.

Alcuni agrumi sono meno noti ma molto usati nel campo alimentare , per esempio il Lime  o limetta agrume simile al limone viene coltivata in Sicilia e Calabria , poco sugosa, viene consumata sia cruda che in conserve sciroppi e candita.
Cedro agrume simile al limone, di taglia un pò più grossa, viene usato per spremute, e la buccia usata come canditi e per la pasticceria.
Chinotto viene conosciuto per il suo gusto amarognolo sotto forma di bevanda, il suo aspetto e di colore verde scuro e la sua coltivazione maggiore è la Liguria.

Il Bergamotto, altro agrume poco conosciuto è un pò più piccolo dell’arancio a forma sferica o leggermente a pera,la sua buccia liscia e sottile di un colore giallo, la sua polpa è verde giallastra sapore acidulo. Molto usata la sua buccia per ricavare delle essenze in profumeria.

Quale è  la stagione ideale per far uso degli agrumi.


Si sa che gli agrumi sono un alimento prezioso per l’organismo e chi ha una certa età lo sa bene quanto fossero indispensabili e di valore questi frutti. Lo sapeva bene il marinaio e  i guai che potevano riscontrare in mare senza gli agrumi e verdure fresche Pensare alla sua carenza un tempo significava associarla allo scorbuto, un decadimento del corpo che si manifestava in varie forme stanchezza cronica e  lividi, capelli fragili, rottura dei capillari e sanguinamento delle gengive. La causa di mancanza di collagene della V.C  poteva portare alla morte. La famiglia degli agrumi sono di fatto ricchi di vitamine, di zucchero e di acido citrico, pertanto in una alimentazione moderna dove c’è abbondanza di consumo di cibi elaborati, gli agrumi apporteranno benefici, importanti e necessari al corpo umano per  disintossicanti e depurarsi.

Degli  agrumi abbiamo accennato alla sua principale fonte la Vitamina C  ma ti stupirai del loro ricco contenuto, grazie alla loro prolungata esposizione al sole.

  • potassio.
  • calcio.
  • fosforo.
  • sodio.
  • vitamina A.
  • vitamina C.
  • carotenoidi

Quando sia il momento migliore per mangiareun Arancio o degli agrumi cè un detto popolare, vero si o forse no, ma di sicuroquestoproverbio dice che “l’arancia la mattina è oro, il pomeriggio è argento, la sera è piombo”, volendo dire che il consumo di arance è indicato soprattutto il mattino a digiuno, meno dopo i pasti e che addirittura può risultare dannoso dopo cena, visto che renderebbe difficile la digestione e il suo contenuto acido appesantirebbbe la digestione.

Contro indicazioni si per tutte quelle persone che sofrono di irritazione e acidita di stomaco, come reflussi gastrici e quantaltro.

Per concludere sicuramente  la stagione ideale per un abbondante uso di agrumi è il periodo più freddo Autunno inoltrato  Inverno e Primavera. Possiamo dire che un arancio al giorno in inverno ci aiuta a prevenire un raffreddore e i malanni di stagione grazie al suo contenuto di vitamina C. Quindi questi frutti si possono trovare quasi sempre fermo restando che il loro contenuto di apporto nutritivo vitaminico sia integro.

Una curiosita come sciegliere un frutto d’arancio.

Fondamentale comperare  arace o agrumi biologici, controllare che attorno al picciolo non ci siano aloni scuro. Strano a dirsi ma fuori dall’Italia le racccolte di arance vengono prematuramente e poi fatte maturare in forni , così solo colore e niente sostanza poche vitamine e distrutte dal calore,

Leggi anche l’articolo l’importanza della VC

Un caro saluto da Enrico

Le informazioni contenute in questo blog sono di carattere generale e non intendono sostituire la consulenza fornita dal proprio medico o altro professionista sanitario. Nessuna affermazione è da intendersi come una raccomandazione su come trattare qualsiasi particolare malattia o condizione relativa alla salute. Contattare il medico o il professionista sanitario per eventuali problemi di salute.