5 modi per ridurre L’inquinamento ambientale con alimentazione e…

5 modi per ridurre L’inquinamento ambientale con alimentazione e…

5 modi per ridurre L’inquinamento ambientale con alimentazione e…

Ci sono molti modi in cui le singole persone possono contribuire a migliorare l’ambiente attraverso le proprie scelte quotidiane. Ecco alcune idee:

Ridurre il consumo di carne e latticini: come hai già sottolineato, la produzione di carne e latticini ha un impatto significativo sull’ambiente. Ridurre il consumo di questi prodotti può contribuire a ridurre la pressione sull’ambiente, aiutando a ridurre la deforestazione, il consumo di acqua e le emissioni di gas serra.

Scegliere alimenti biologici e locali: gli alimenti biologici riducono l’utilizzo di pesticidi e fertilizzanti chimici, mentre i prodotti locali hanno un impatto inferiore sui trasporti e sulle emissioni di gas serra. Inoltre, comprare localmente aiuta a sostenere l’economia locale.

5 modi per ridurre L’inquinamento ambientale con alimentazione e…

5 modi per ridurre L’inquinamento

ambientale con alimentazione e…

Ridurre gli sprechi alimentari: gli sprechi alimentari sono un grande problema ambientale, in quanto contribuiscono allo spreco di risorse come acqua e terreni agricoli, oltre a produrre rifiuti in discarica. Ridurre gli sprechi alimentari significa fare la spesa con attenzione, cucinare solo ciò che si consuma e conservare gli alimenti in modo corretto.

Usare meno plastica: la plastica è un grande problema ambientale, soprattutto quando finisce negli oceani e negli ecosistemi naturali. Ridurre l’uso della plastica significa portare borse riutilizzabili al supermercato, usare borracce riutilizzabili invece di bottiglie d’acqua in plastica e preferire prodotti con imballaggi minimali o riciclabili.

5 modi per ridurre L’inquinamento

ambientale con alimentazione e…

Scegliere fonti di energia rinnovabile: l’energia che usiamo in casa e per muoverci produce emissioni di gas serra. Scegliere fonti di energia rinnovabile come solare o eolica può contribuire a ridurre l’impatto ambientale della nostra energia.

Queste sono solo alcune delle azioni che possiamo intraprendere per contribuire a migliorare l’ambiente attraverso le nostre scelte quotidiane. È importante ricordare che ogni piccolo gesto conta e che le nostre scelte possono fare la differenza per il nostro pianeta.

Un caro saluto da Enrico

Le informazioni contenute in questo blog sono di carattere generale e non intendono sostituire la consulenza fornita dal proprio medico o altro professionista sanitario.

Inquinamento  acqua e ambiente

Inquinamento acqua e ambiente

Inquinamento acqua e ambiente

Inquinamento acqua e ambiente

Quando si parla di inquinamento, acqua e ambiente, si tocca un argomento vasto: ci si può perdere in un oceano di temi  che trattano di questo. La natura un tempo aveva un percorso chiamato “il ciclo dell’acqua” ed ecco come lo descriveva uno dei più grandi saggi del passato, Scritto circa 3000 anni fa da uno degli uomini più saggi e istruiti per quel tempo:  Re Salomone.

Tutti i torrenti invernali vanno al mare eppure il mare stesso non si riempie. Al luogo dove i torrenti invernali vanno, li tornano ad andare. Ecclesiaste cap.1 ver 7.

Così funzionava e veniva descritto il ciclo naturale dell’acqua per la terra e cosi dovrebbe essere finchè la Terra sussisterà. Questo moto rotatorio, si è susseguito e protratto per migliaia di anni in modo regolare fin dai temi più antichi, a cominciare da molto molto tempo fa. Parlando di inquinamento si parla generalmente  non solo di acqua, ma anche di aria, suolo. Questi sono i tre elementi basilari che compongono la vita: da essi si è sviluppata la vita in tutti gli essere viventi, dai vegetali agli animali.

E sorge una Domanda un pò curiosa: quando è iniziato l’inquinamento terrestre? Semplice per chi è credente, dalla cacciata dell’Eden della prima coppia. Nel secondo caso x gli evoluzionisti,  l’uomo si evolve  da  raccoglitore di bacche a cacciatore e da qui il progresso.

Inquinamento acqua e ambiente

Con la scoperta del fuoco e i primi insediamenti agricoli l’inquinamento ha subito un acceleramento, come fosse stato catapultato fuori da un cannone. Possiamo dire, che l’uomo ha iniziato ad inquinare la terra fin da subito. Se  paragoniamo tutti questi millenni, a quello che è successo negli ultimi centocinquant’anni era quasi impensabile pensarlo prima. Abbiamo vissuto e viviamo tutt’ora un processo di grande rivoluzione, di grande trasformazione sociale e industriale.

Tutto questo ha portato a un miglioramento della qualità della vita ma a caro prezzo: l’inquinamento ambientale; dell’acqua, dell’aria e del suolo è aumentato. L’acqua si sa è uno dei tre elementi fondamentali per la vita e con l’entrata dell’era informatica, l’evoluzione avrebbe dovuto progredire con la consapevolezza e i mezzi a ridurre l’inquinamento ambientale e quindi  acquifero. Tutti noi sappiamo quanto il ciclo dell’acqua sia importante e vitale per l’uomo e la natura. Senza acqua non c’è vita. Il mondo è sempre più assetato, la popolazione ha sempre più bisogno di acqua, acqua che è sempre meno pura e per ottemperare a questo, si prosciugano grandi laghi come il lago Aral o mari per utilizzare l’acqua come il Mar Nero, e il Mar Morto.

Nello stesso momento poi si utilizzano dei contenuti di plastica che inquinano doppiamente.

In effetti il in questo ultimo periodo qualcosa è cambiato riguardo al clima: direi molto. Periodi di siccità si antepongono a diluvi anche in posti impensabili sfociano in vere e proprie  alluvioni e bombe d’acqua.

O poco, o troppo non c’è più l’equilibrio del ciclo dell’acqua.  Anche se ciclo dell’acqua in se stesso non è cambiato, si sono modificate le intensità le frequenze o le rarità nelle varie zone del Pianeta Terra.

Pensando all’inquinamento acquifero, alle crude e dure immagini che ci vengono trasmesse in TV in Internet o al degrado e alla realtà in cui a volte ci capita di imbatterci passeggiando in zone dove scorrono torrenti, fiumi, laghi e mari, potremmo dedurre che, quello che un tempo era naturale fino a 60, 70 anni fa, ora non lo è più.

Ad esempio, accostarsi a una fonte, inchinarsi in un corso d’acqua e bere direttamente da lì, ora è impensabile. Fino a poco tempo fa o poco dopo la Seconda Guerra Mondiale i casi di inquinamento acquifero erano rarissimi, e solo in alcune parti d’Italia nelle grandi città, causati da fabbriche, mezzi Agricoli e militari. Con l’avvento della tecnologia e la grande espansione di fabbriche per la modernizzazione del paese, la chimica divenne una colonna importante per lo sviluppo dei derivati petroliferi, che facilitarono l’inquinamento. L’auto divenne un mezzo di trasporto di eccellenza per lavoro e tempo libero, uno “status symbol” di benessere e tutto questo portava ad uno sviluppo incondizionato di fabbriche che scaricavano nei torrenti e fiumi le loro scorie dei loro lavori.

Inquinamento acqua e ambiente

Come in un far west senza regole chi subiva le conseguenze erano i più deboli e in questo caso la natura che ci circonda. In un paio di decenni dagli anni Cinquanta agli anni Settanta, tutto si trasformò talmente velocemente a tal punto che la terra incominciò sempre più a somigliare a una discarica a cielo aperto. Siamo lontani anni luce quei ricordi dove poter piegarsi ad una fonte o un ruscello e con un palmo della mano un po’ concavo attingere l’acqua per bere e dissetarsi liberamente senza preoccupazione.

Ora in pochi decenni le parti si sono invertite: pochi posti con fontane, ruscelli e fiumi dove l’acqua scorre pulita con armoniosi carichi di vita lungo il loro percorso. Non parlo solo di pesci, rane, gamberi e quant’altro ma tutta la vita che scorre intorno, la vegetazione in primis, ne sta soffrendo. Ora, ai nostri giorni gli animali selvatici quei pochi che ci sono, che consciamente appoggiano il loro musetto in un qualsiasi specchio d’acqua per bere rischiano di lasciarci le “penne”. Un tempo l’acqua era fonte di vita e lo è “tuttora”. La natura, il verde tutta la vegetazione era una garanzia grazie al ciclo dell’acqua, ogni cosa girava intorno ad essa. Chissà quell’uomo che 3000 anni fa contemplava la natura e parlava agli uccelli cosa direbbe ora del ciclo dell’acqua? E’ vero comunque che ognuno di noi, può fare qualcosa contro l’inquinamento, prestando semplicemente più attenzione all’uso dei prodotti che inquinano, usando dove è possibile prodotti naturali biodegradabili.

Al prossimo articolo Acqua e Inquinamento.

 

Inquinamento  verde e benessere

Inquinamento verde e benessere

Inquinamento verde e benessere.

Quando si parla di Inquinamento verde e benessere generalmente ci si preoccupa di come associare questi tre elementi  per affrontare l’inquinamento  al benessere il verde sicuramente è il fulcro centrale di tutta la vita. Il verde e risaputo e un colore che in natura si trova in abbondanza e certi tipi di verdure ne contengono per  il benessere del corpo umano. Pensando al forte inquinamento  si pensa all’inverno e allo “Smog” se così si può ancora chiamare e quella coltre di veleno che ci attornia. Non consideriamo poi il fatto della velatura nella volta celeste, ma questo è un altro argomento.

Un tempo esistevano le stagioni e l’inverno ne faceva parte, era una stagione fredda, con abbondanti nevicate e sotto la neve riposava la terra. In quel periodo e in quelle condizioni il corpo di conseguenza doveva fronteggiare temperatura rigide con sbalzi termici che arrivavano fino hai meno 10° e più gradi. Quand’è così sicuramente è bene essere ben preparati con l’abbigliamento adatto alla  stagione. La prima cosa da effettuare in certe situazioni è coprirsi bene con maglioni di lana, guanti, giacche, sciarpe, per ripararsi dalle folate di vento freddo.

queste temperature ora non ci sono più ma aggiungi l’inquinamento e chi ne risente sono le fasce  deboli queste vengono colpite. Queste fasce sono per la maggior parte bambini e anziani perchè il loro sistema immunitario è più fragile. I primi perchè sono in una fase di crescita e sviluppo, il secondo sono  in decrescita indebolimento fisico causato con l’avanzare dell’età. Naturale chiunque è soggetto  all’ambiente in cui vive di conseguenza può venire attaccato da virus  e batteri. Parte dell’inquinamento atmosferico, questa coltre bassa di polveri sottili indeboliscono l’organismo attraverso le vie respiratori causando quindi tosse, raffreddore e influenza.

Ecco che l’importanza dei vegetali verdi. Quando la natura diventa brulla e qui che accadde il miracolo, la natura ci mette a disposizione il meglio per rafforzare le difese immunitarie con dei vegetali verdi.

Prima di addentrarmi nei benefici di certi alimenti è bene

sapere quanto fa bene il verde, fisicamente e mentalmente.

E’ scientificamente dimostrato che, il verde ha tutta una gamma di influenze benefiche sul nostro corpo e che queste vanno ben oltre il piacere di contemplare un bel paesaggio. Gli effetti psicologici, fisici e fisiologici del colore simbolo della natura sono molteplici. E’proprio nel periodo invernale che la natura non a caso provvede a fornirci i migliori vegetali  per proteggerci e affrontare la lunga stagione piante erbacee come le crucifere o crocifere così son chiamate, piante che crescono e maturano in questa stagione, in ambienti e zone fredde.

Curiosità  della derivazione del nome

tale parola e stata coniata dalla disposizione dei loro fiori e dai loro petali quattro disposti a croce di qui il nome.

Inquinamento verde e benessere

 

Il verde è indispensabile per il corpo umano  “IL VERDE  E’ VITA”. Ritonando all’inquinamento atmosferico e allla velatura artificiale creata dall’uomo a molteplici effetti negativi. Un effetto negativo della poca luce  è che rallenta  la formazione della Clorofilla che avviene con la giusta dose di luce solare e quindi della piena maturazione delle verdure. Sappiomo inoltre  che la luce solare è fondamentale per lo sviluppo della Vitamina D  per ilbeneficio delle ossa dell’uomo.

La clorofilla, responsabile del colore verde di frutta e verdura, ha una potente azione antiossidante, mentre i carotenoidi contenuti in questi alimenti aiuta l’organismo a difendersi e prevenire le patologie coronariche e molti tipi di tumore; inoltre, sono responsabili della vista e dello sviluppo delle cellule epiteliali.

Questi alimenti sono particolarmente ricchi di Magnesio, un minerale molto importante che

favorisce il metabolismo dei carboidrati e delle proteine, stimola l’assorbimento del Calcio,

del Fosforo, del Sodio e del Potassio, regola la pressione dei vasi sanguigni e la

trasmissione dell’impulso nervoso. Inquinamento verde e benessere.

ECCO I BENEFICI CONTRO L’INQUINAMENTO: IL VERDE.

Per l’inverno  el’inquinamento la natura provvede broccoli, verze, e tutta una serie di vegetazione a foglia verde come pure i kiwi sono molto ricchi di vitamina C: favoriscono quindi l’assorbimento del Ferro contenuto nella frutta e nella verdura, hanno proprietà antiossidanti ed aiutano a prevenire malattie cardiovascolari, neurologiche.
Frutta e verdura verde contengono i fitonutrienti che caratterizzano i vegetali verdi e aiutano a ridurre lo stress e l’affaticamento, oltre a prevenire numerose forme tumorali, possono contribuire a prevenire certe disfunzioni cardiovascolari e recano benefici a ossa, denti e occhi.

Queste verdure contengono vitamina A, C, E, K e la B5. Inoltre, contrastano l’insorgenza dei radicali liberi con un’azione anti-aging.

Elenco di vegetali a foglia verde.

A questa categoria appartengono insalate, zucchine, asparagi, piselli, rucola,

basilico,mele verdi, avocado, broccoli, cavoli, bieta, erbetta, carciofi, cavolo verza, cetrioli,

cicoria, indivia, lattuga, spinaci, kiwi, olive, uva bianca, agretto, cima di rapa, prezzemolo.

A volte per vari motivi come poco tempo per preparare il cibo, non piacciono le crocifere e non riusciamo ad assumere i vari vegetali  per  ovviare a tutto questo possiamo rimediare con un buon integratore multivitaminico che ci fornisce una copertura al sistema immunitario.

Le informazioni contenute in questo  sito sono di carattere generale e non intendono sostituire la consulenza fornita dal proprio medico o altro professionista sanitario. Nessuna affermazione è da intendersi come essere una raccomandazione  su come trattare qualsiasi particolare malattia o condizione relativa alla salute. Per questo contattare il medico o il professionista sanitario per eventuali problemi di salute.

Un saluto  da parte mia  e al prossimo articolo.